Esempio dell’influenza della lordosi sulla compressione delle vene addominali
5
(1)
To change the language click on the British flag first

In questa pagina, farò alcuni esempi sul meccanismo della compressione lordotica delle strutture davanti alla colonna vertebrale, che porta alle sindromi di compressione addominale.

Nel primo esempio, una forte lordosi comprime la vena cava inferiore in un paziente:

Nelle immagini Doppler a colori, il flusso sanguigno è codificato in diversi colori:

Il rosso è assegnato al flusso verso la superficie del corpo,

blu è assegnato al flusso che si allontana dalla superficie del corpo,

verde è assegnato ad un flusso turbolento che indica un’accelerazione o disturbi patologici del flusso sanguigno.

 

Le immagini sopra riportate dimostrano il fatto della compressione della vena cava da parte della colonna vertebrale lordotica. All’inizio, dove la vena è ancora larga, il flusso è piuttosto lento -22 cm/s. Qualche centimetro più in alto, dove si verificano le turbolenze, la velocità del flusso aumenta rapidamente fino a raggiungere un valore otto volte superiore al normale.

L’immagine sotto mostra la forte compressione della vena renale sinistra in una sindrome da schiaccianoci. La compressione è esercitata dal rigonfiamento anteriore della colonna lombare, che preme da dietro contro l’aorta. L’aorta sollevata comprime poi la vena renale sinistra da dietro, causando così un’estrema accelerazione del flusso a 346 cm/s in una vena! Si tratta di circa 15 volte la normale velocità di flusso nella vena renale sinistra. Le immagini seguenti mostrano l’effetto della decompressione per stiramento attivo della colonna lombare, contrastando così la lordosi e riducendo la pressione lordotica. Le turbolenze scompaiono quasi completamente, e la velocità del flusso scende ad un nono dei valori precedenti, indicando così la riduzione della pressione venosa nella stessa gamma.

 

Le immagini seguenti mostrano l’effetto della pressione della colonna lombare sulla compressione della vena renale sinistra dello schiaccianoci arterioso visto in sezione orizzontale.

La visione convenzionale della sindrome dello schiaccianoci è che la vena è bloccata da entrambi i rami dello schiaccianoci: l’arteria mesenterica superiore davanti alla vena e l’aorta dietro la vena. Ma le osservazioni in pazienti in cui l’arteria mesenterica superiore è stata trapiantata verso il basso per alleviare una sindrome di Wilkie dimostrano chiaramente che la decompressione dal ramo frontale dello schiaccianoci – l’arteria mesenterica superiore – non riduce sufficientemente la pressione della vena renale sinistra. La pressione principale è esercitata dall’aorta da dietro!

Nell’immagine a sinistra il paziente si trova in una posizione corporea rilassata, quindi “normale”. La vena renale sinistra è quasi completamente compressa dall’aorta da dietro.

Nell’immagine a destra, il paziente riduce la pressione della colonna lombare allungandola. L’effetto è chiaramente visibile: La vena renale sinistra si allarga a causa della ridotta pressione dell’aorta. Poiché l’aorta è strettamente collegata alla colonna lombare, funziona come una barra di sollevamento. L’alta pressione nell’aorta irrigidisce il vaso. Così può trasferire la pressione dalla colonna vertebrale lombare verso le strutture di fronte all’aorta.

 

 

La valutazione dell’effetto della lordosi sulle sindromi di compressione vascolare si basa sulla tecnica PixelFlux.

Questo metodo permette una descrizione dettagliata senza precedenti dell’effetto emodinamico delle sindromi di compressione vascolare e del loro trattamento.

Il diagramma seguente mostra l’effetto della lordosi sulla vena renale sinistra in un paziente con sindrome da schiaccianoci. Qui, la soppressione della perfusione della vena renale sinistra è ovviamente più pronunciata nella massima lordosi e viene ridotta dalla flessione dell’anca e quindi dalla riduzione della lordosi della colonna lombare.

 

Il diagramma di sinistra qui sotto mostra l’effetto dell’ostruzione del deflusso venoso renale sinistro sulla perfusione del parenchima del rene sinistro (link). Le misurazioni di PixelFlux dimostrano una soppressione del flusso sanguigno nel rene sinistro (link) a circa 1/10 – 1/4 del rene destro (rechts), a seconda dello strato di vasi parenchimali (corteccia prossimale vs. distale).

Solo le misure di PixelFlux possono mostrare chiaramente che c’è un effetto tremendo della sindrome dello schiaccianoci sulla perfusione renale sinistra (link). Tali misurazioni sono una condizione indispensabile per una decisione corretta, se operare o meno.

Nel diagramma a destra, il successo dell’intervento chirurgico vascolare è dimostrato ancora una volta dalla tecnica PixelFlux. L’aumento della perfusione renale sinistra può essere dimostrato e raggiunge il fattore 4-10, sempre a seconda dello strato di vasi corticali.

 

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?